Beta-cariofillene

Beta caryophyllene 1
()

Beta-cariofillene. Sembra complicato, ma lo è? In poche parole, il beta-cariofillene è il composto bioattivo naturalmente presente nelle spezie alimentari tra cui: chiodi di garofano, timo, pepe nero, origano, cannella. 

Quindi il Beta-cariofillene è un terpene aromatizzante, ed è anche uno dei principi attivi che danno il tocco magico al nostro Gel liposomiale di CBD  Thor

Scopri di più sulle proprietà e gli usi di uno dei terpeni più abbondanti della cannabis, continuando a leggere qui sotto.

Cos’è il beta-cariofillene?

Il beta-cariofillene (β-cariofillene) è un terpene vegetale (sostanza chimica) che si trova in molti oli essenziali di spezie e piante alimentari. È un sesquiterpene naturale (un tipo di terpene che si trova di solito nelle piante) con tre unità isoprene. 

Offerta di benvenuto

Ai nuovi clienti, offriamo un codice sconto del 12% sul primo ordine.
* Valido su tutti i prodotti Nordic Oil

Olio di CBD 15%
Icons/UI/fast-delivery Consegna rapida
Icons/UI/plant Creato dalla natura
Icons/UI/security Pagamento sicuro

Un’unità di isoprene è una combinazione di molecole di carbonio e idrogeno che fungono da mattoni per lipidi, terpenoidi, steroidi e prodotti naturali.

La referenza di un recente studio riporta le varie classi di composti prodotti dalle piante di cannabis. Qui alcuni alcuni esempi:

  • Terpeni
  • Cannabinoidi
  • Idrocarburi
  • Zuccheri e composti correlati
  • Composti azotati
  • Fenoli non-cannabinoidi
  • Acidi grassi
  • Flavonoidi

Questi composti possiedono proprietà bioattive benefiche per la salute dell’uomo. Inoltre, ci sono centinaia di metaboliti secondari non-cannabinoidi (oltre ai cannabinoidi) che includono 120 terpenoidi (61 monoterpeni, 52 sesquiterpenoidi e 5 triterpenoidi). Tutti questi insieme mostrano un potenziale terapeutico nel trattamento del cancro, dell’infiammazione, dello stress ossidativo e di altre condizioni. 

Il beta-cariofillene è sicuro da consumare?

Uno studio del 2016 conferma che il β-cariofillene è un additivo alimentare approvato dalla FDA che si qualifica con lo stato GRAS (Generally Recognised as Safe).

Allo stesso modo, anche l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) lo considera sicuro per l’uso come esaltatore di sapidità negli alimenti umani e animali e nei cosmetici. 

Inoltre, gli studi suggeriscono che anche alte dosi di β-cariofillene non hanno effetti negativi.

Prodotti contenenti beta-cariofillene

Spezie ed erbe come: basilico, origano, pepe nero, cannella, cannabis, lavanda, chiodi di garofano, rosmarino, insieme alle piante a foglia verde scuro, contengono tutti questo terpene.

È presente anche in prodotti di consumo come creme, gel, shampoo, spezie da cucina, prodotti alimentari per animali e come ingrediente in miscele di cibo istantaneo.

La maggior parte degli oli essenziali contiene anche beta-cariofillene. Per esempio, l’olio di chiodi di garofano è un olio essenziale ricco di cariofillene.

Quanto β-cariofillene c’è nell’olio di CBD?

Il beta-cariofillene è un terpene che dà alle piante e ai fiori un sapore e un profumo distinto ed è responsabile dell’aroma speziato e pepato dell’olio di CBD. 

Diverse varietà di cannabis hanno diverse combinazioni di terpeni che danno un aroma unico ad ogni varietà. Pertanto, a seconda della varietà di cannabis, i livelli di beta-cariofillene possono variare.

Per saperne di più sui livelli di ogni terpene nel tuo olio di CBD, controlla le informazioni tecniche del COA. Questa elencherà il profilo dei terpeni, compreso il beta-cariofillene.

3VhA00znqKJDN6C6KAbEY3Yxd3RgQVoa nV6lx17

C15H24.

Struttura molecolare del beta-cariofillene

Beta-cariofillene vs CBD

Il beta-cariofillene è un terpene, e il CBD è un cannabinoide. 

Questo studio suggerisce che il β-cariofillene è stato uno dei primi composti derivati dalla cannabis con una struttura chimica diversa dai cannabinoidi, ma che ancora interagisce con il sistema endocannabinoide

Inoltre, poiché si lega selettivamente ai recettori CB2, il beta-cariofillene ha il potenziale terapeutico di agire sui tessuti periferici del corpo. Pertanto, è considerato come un cannabinoide atipico. Al contrario, il CBD ha poca affinità di legame per i recettori CB1 o CB2.

Secondo uno studio fatto con CBD ad ampio spettro in un esperimento sui roditori, il recettore CB1 è presente in tutto il sistema nervoso centrale. Pertanto la sua attivazione è spesso associata a effetti psicoattivi. Al contrario, il recettore CB2 è localizzato nei tessuti periferici e non neurali e la sua attivazione ha un effetto immunomodulatore. 

Il beta-cariofillene interagisce sinergicamente con i fitocannabinoidi e contribuisce all’effetto entourage della cannabis, in particolare per quanto riguarda le sue proprietà anti-analgesiche, anti-infiammatorie e anti-batteriche.  

Un recente studio su modello animale sottolinea che il CBD è un componente non psicoattivo della cannabis sativa che fornisce effetti terapeutici indipendenti dai recettori dei cannabinoidi. 

Ancora più importante, il CBD e il beta-cariofillene lavorano attraverso diversi siti d’azione, ma condividono comuni effetti antinfiammatori, antiossidanti e analgesici. 

Quali sono le proprietà biologiche o gli usi del beta-cariofillene?

  • Il beta-cariofillene si trova nelle piante insieme al suo prodotto di ossidazione, l’ossido di beta-cariofillene. Ha un aroma speziato associato all’odore del pepe macinato ed evapora rapidamente a temperature normali. 
  • I cannabinoidi e i terpeni si fondono nel corpo umano per modificare l’uno gli effetti dell’altro e, in sostanza, creare un effetto entourage. 
  • Le proprietà farmacologiche del beta-cariofillene includono proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e neuroprotettive.
  • In esperimenti di laboratorio con roditori, la somministrazione di BCP ha diminuito i fattori tumorali.
  • Il β-cariofillene riduce il dolore cronico acuto associato all’infiammazione.
  • Sembra essere promettente come composto terapeutico, in applicazioni sistemiche o dermatologiche, comprese le dermatiti. Pertanto, le sue proprietà analgesiche sono spesso utilizzate in creme, gel e unguenti per alleviare il dolore. È efficace a dosi più basse.
  • Secondo uno studio del 2007, pubblicato nel Journal of Pharmacology, il β-cariofillene può essere uno dei composti attivi legati all’attività immunomodulante dell’olio di copaiba. Il BCP si combina con l’alfa-umulene, aumenta l’attività anticancro nelle linee cellulari tumorali umane. Inoltre, i suoi potenti effetti antinfiammatori riducono l’infiammazione legata alla sclerosi multipla e alle disfunzioni del sistema immunitario. 

Conclusione

  •  Il beta-cariofillene è uno dei principali ingredienti della Cannabis e presenta effetti cannabimetici. Questo sesquiterpene lipofilo potenzialmente modula i processi infiammatori attraverso il sistema endocannabinoide. Quindi, il suo impatto sulla salute umana apre un ampio spazio per studi futuri.
  •  Inoltre, l’incrocio selettivo di alti chemiotipi di terpenoidi potrebbe portare alla scoperta di nuovi approcci per trattare diversi disturbi come alternativa ai farmaci per il dolore. 

Ti è stato utile questo post?

Clicca sulla stella per valutarlo!

Valutazione media / 5. Numero di voti:

Nessnun voto ancora. Sii il primo a votare il post!

Dato che hai trovato utile il post...

Seguici sui social media!

Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD
Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook!

Pubblicato da Sofia Lo Presti

Nata in Italia, Sofia lavora alla Nordic Oil fin dagli esordi ed è un vera esperta del CBD. Ha molta esperienza con i consumatori di CBD e essendo curiosa per natura, Sofia ha sperimentato in prima persona i benefici del CBD. Costantemente aggiornata sui nuovi studi e scoperte sull’argomento, mette la sua esperienza e conoscenza in merito a disposizione dei clienti italiani di Nordic Oil.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *