CBD e MENOPAUSA

donna con mal di testa

La menopausa è un naturale processo di invecchiamento. Attraversare questa fase con miglioramenti nello stile di vita e un approccio positivo potrebbe fare molta differenza. Il CBD potrebbe avere una funzione positiva in questa fase della vita ? Scopriamolo insieme .

La lunga lista di sintomi associati alla menopausa può renderci ansiose, preoccupate e pessimiste. Quindi prendiamoci un momento capire come adottare un approccio positivo a questo pensiero stereotipato intorno alla menopausa.

Le vampate di calore, l’aumento di peso, l’abbassamento del desiderio sessuale, i problemi di sonno, gli sbalzi d’umore, ti danno fastidio?

Forza! Datti una pacca, ringrazia il tuo corpo per averti portato fin qui, sorridi e preparati per un’altra trasformazione.

Offerta di benvenuto

Ai nuovi clienti, offriamo un codice sconto del 12% sul primo ordine.
* Valido su tutti i prodotti Nordic Oil

Olio di CBD 15%
Icons/UI/fast-delivery Consegna rapida
Icons/UI/plant Creato dalla natura
Icons/UI/security Pagamento sicuro

“La menopausa è un sentiero che ti sta guidando verso la saggezza, la spiritualità superiore e la ricerca del tuo Ikigai”.

Akeso

Pertanto, considera questo post come una guida per migliorare la tua comprensione della menopausa e prendere decisioni informate sull’uso del CBD per gestire i disagi durante questa fase della vita.

  • Il CBD è adatto in menopausa?
  • Il CBD aiuta a bilanciare gli ormoni?
  • Quale prodotto di CBD è valido?
  • Idee per la dieta in menopausa
  • Cosa dice la scienza sul CBD e la salute delle donne?
  • Menopausa e andropausa: alcuni approfondimenti

Il CBD è adatto in menopausa?

Prima di tutto, cerchiamo di capire che la menopausa è un processo di trasformazione naturale per la tua mente, il tuo corpo e la tua anima. Quindi, che ne dici di approcciare questo periodo della vita in modo innovativo con l’aiuto di metodi scientifici?

C’è una vasta gamma di sintomi che la menopausa presenta. I sintomi fisici includono sintomi vasomotori (comunemente noti come vampate di calore), sudorazioni notturne, disturbi del sonno, aumento di peso a causa della diminuzione del metabolismo, incontinenza urinaria, vertigini, mal di testa, perdita di densità ossea, dolore alle articolazioni, perdita di tono del seno, crescita di peli in parti indesiderate e secchezza vaginale e calo dei livelli di estrogeni che abbassano il tuo desiderio sessuale.

Se aggiungiamo anche i problemi mentali come cambiamenti di umore, irritabilità, difficoltà di concentrazione e così via , non c’è proprio da stare allegri. Ma ogni donna è diversa e diversi potrebbero essere i sintomi. Alcune hanno solo vapate di calore, altre invece presentano più sintomi, ma oggi giorno vi sono anche diversi metodi per contrastare questi fastidiosi sintomi. Il CBD potrebbe essere uno di questi.

Infatti riguardo l’idoneità dei prodotti CBD per contrastare i disturbi legati alla menopausa, vale la pena considerare le indagini aneddotiche e auto-riferite di donne che usano il cannabidiolo per gestire l’insonnia, gli squilibri ormonali e lo stress mentale.

Inoltre, anche alcuni specialisti ritengono che i cannabinoidi potrebbero aiutare a gestire i fattori scatenanti delle vampate di calore. L’avanzare dell’età con tutte le incertezze che comporta crea stress e ansia, se aggiungiamo, per le donne anche gli effetti negativi della menopausa, capiamo che i livelli di disagio possono aumentare vertiginosamente.

Per questo è importante sapere che le donne che hanno adottato prodotti a base di CBD, a detta degli studiosi , hanno risposto bene a questa situazione.

Allo stesso modo, un’altra informazione aneddotica registra che le donne trovano conforto dall’insonnia e dalle vampate di calore quando usano prodotti CBD. E sempre più spesso li preferiscono agli antidolorifici tradizionali.

Inoltre, interventi clinici come la terapia ormonale sono trattamenti efficaci per i sintomi della menopausa, inibendo la perdita ossea, riducendo l’incidenza delle fratture nelle donne in postmenopausa, e contenendo la carenza di estrogeni a lungo termine. Ma la terapia ormonale sostitutiva causa effetti collaterali a seconda dell’età, della storia medica e delle condizioni.

Donna insonne. Menopausa. Cbd.

Il CBD aiuta a regolare gli sbalzi ormonali?

In generale gli squilibri ormonali possono colpire sia gli uomini che le donne, soprattutto durante la mezza età. Le condizioni che ne derivano possono essere travolgenti. Il sistema endocrino è composto da ghiandole responsabili della produzione di ormoni che regolano la crescita, il metabolismo, la riproduzione, l’umore e la salute sessuale. Quindi le fluttuazioni di questi ormoni possono dare origine a disturbi di salute come il diabete, i problemi alla tiroide, obesità, osteoporosi, la PCOS e altro ancora.
Per quanto riguarda le donne, la pubertà, la gravidanza, l’allattamento e la menopausa sono eventi biologici significativi che innescano variazioni ormonali.

  • Uno studio del 2018 riporta l’interconnessione tra il sistema endocannabinoide e le funzioni del sistema endocrino. I composti derivati dalla cannabis esercitano i loro effetti interagendo con i recettori dei cannabinoidi.
  • Un altro studio indica che il CBD interferisce con la secrezione di cortisolo,
  • Gli estrogeni e il sistema endocannabinoide hanno interazioni dirette e indirette. Il sistema endocannabinoide influisce sul rilascio di estrogeni attraverso la down-regulation centrale dell’ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH).

Lettura raccomandata: come interagisce il CBD con il sistema endocannabinoide (ECS).

È importante notare che non ci sono riferimenti a studi clinici sulla gestione della menopausa con prodotti a base di cannabis. Nonostante la popolare applicabilità dei prodotti a base di CBD in una moltitudine di ambiti, questo argomento ha ricevuto un’attenzione limitata dalla ricerca.

Quale è il miglior prodotto CBD per la menopausa?

I prodotti a base di CBD sono disponibili in diverse forme: oli di CBD, capsule di CBD, liquidi da svapo di CBD, integratori di CBD, prodotti topici di CBD e altro ancora, questo significa che è possibile scegliere in base alle proprie esigenze e preferenze di consumo.

  • In che modo posso prendere il mio CBD?
  • Quale dosaggio di CBD può darmi sollievo?

Queste sono le due domande a cui si possono trovare soluzioni dalla propria esperienza personale. Per esempio, le donne nella fase della perimenopausa (che solitamente va da sei mesi a un anno)che è il periodo di transizione in cui si verificano notevoli fluttuazioni ormonali, potrebbero manifestare più sintomi anche di una certa intensità.

Ecco quindi alcune opzioni da considerare mentre si sceglie il CBD:

  • Gli oli di CBD a spettro completo contengono tutti i cannabinoidi e i terpeni favoriscono l’effetto entourage. Potreste prenderne alcune gocce due volte al giorno, per via sublinguale, come raccomandato, oppure aggiungere le gocce al cibo. Potrebbero volerci 20-30 minuti per essere assorbite dal corpo, e l’effetto potrebbe durare tra le 4-6 ore. Se siete nuove all’uso del CBD, cominciate con un dosaggio minimo. Il microdosaggio può essere un metodo efficace per mantenervi attive e concentrate durante la giornata.
  • Anche le capsule liposomiali di CBD sono una buona scelta. Il tempo di insorgenza potrebbe essere un po’ più lungo, diciamo circa un’ora (60 minuti), ma il suo effetto può durare per 6-10 ore.
  • Per gli utenti che già conoscono il cannabidiolo, le paste di CBD sono i prodotti solitamente con le concentrazioni più alte.
  • Vi sono anche i liquidi al CBD per sigarette elettroniche, che sicuramente agiscono velocemente ( anche se per un tempo più limitato) , ma sono sconsigliati per le donne che si trovano a seguire una terapia ormonale

Gli studi hanno dimostrato che l’interazione tra fitocannabinoidi e terpeni produce un effetto sinergico. Terpeni come Mircene, Linaloolo, Cariofillene aiutano a gestire il dolore, l’infiammazione, la depressione, l’ansia e le infezioni batteriche.In definitiva, si può scegliere come prendere il CBD in base ai sintomi che richiedono più attenzione. Consultate il vostro medico per avere una supervisione e un consulto sul dosaggio appropriato per voi, considerando la vostra assunzione di altri farmaci.

Dieta per la menopausa – Alcune idee

Pianificare una buona dieta potrebbe aiutare a limitare i disagi in questa nuova fase della vita. La dieta perfetta per la menopausa dovrebbe fornire:

  • una nutrizione adeguata
  • un controllo del livello degli zuccheri
  • migliorare l’equilibrio ormonale e ridurre l’infiammazione.

Pertanto, per raggiungere gli obiettivi della dieta di cui sopra:

  • Includere alimenti ricchi di fibre come avena, riso integrale, miglio e cereali integrali.
  • Assumere liberamente frutta come papaya, mele, kiwi, guava, e verdure come carote, barbabietole, peperoni, broccoli.
  • Aumentare il consumo di lignani, potete trovare questi preziosi polifenoli nei cereali e nei semi oleosi come semi di lino, semi di sesamo e semi di canapa. Questi sono anche ricchi di acidi grassi omega 3 e omega 6 che aiutano a mantenere l’equilibrio ormonale e aumentare il benessere nelle donne in menopausa.
  • Mangiare alimenti ricchi di fitoestrogeni, come tofu, tonno, salmone e lo sgombro che aiutano ad affrontare l’indebolimento delle ossa dovuto alla carenza di estrogeni.
  • Assumere latte, sia vaccino che di soia, yogurt, ricotta e verdure a foglia verde aiuta a diminuire la secchezza vaginale e contribuiscono anch’essi a contrastare l’indebolimento osseo.
  • Inoltre sarebbe bene assumere intrgratori alimentari che supportino le vitamine del gruppo B.

Di norma, evitate di consumare caffeina, tè, alcol, tabacco, cibi raffinati, dolciumi troppo zuccherati e cibo piccante, perché potrebbero acuire alcuni sintomi della menopausa.

Ecco, ora potete preparare gustosi piatti prendendo spunto dagli ingredienti citati e arricchirli con qualche goccia di CBD. Buon appetito!

Cosa dice la scienza?

Le tre fasi includono Perimenopausa, Menopausa e Post-menopausa, influiscono negativamente sulla qualità della vita delle donne. Ci sono pochi studi che si concentrano sull’applicabilità del CBD per gestire i fastidiosi sintomi che accompagnano questo periodo della vita.

Gli studi osservazionali e clinici disponibili forniscono dati solo sulla menopausa, sulla terapia ormonale sostitutiva e sul cancro al seno. Ma i problemi di salute delle donne come la pubertà, la gravidanza e la menopausa richiedono più attenzione.Pertanto, c’è bisogno di ricerche più approfondite per comprovare l’uso del CBD e se il CBD potrebbe aiutare ad alleviare specifiche condizioni di salute.

Menopausa e andropausa: alcuni approfondimenti

La crisi di mezza età colpisce sia gli uomini che le donne.

Mentre le donne con la menopausa sperimentano un calo dei livelli di estrogeni, l’andropausa che colpisce gli uomini produce un calo dei livelli di testosterone.

Ma l’andropausa è un argomento controverso. Gli studi dicono che non tutti gli uomini subiscono questa fase, anche se i sintomi sono simili a quelli delle donne. Le vampate di calore, la riduzione del desiderio sessuale, la depressione, i cambiamenti d’umore e l’ansia potrebbero colpire gli uomini di mezza età all’inizio dei 40 anni.

Le ricerche dicono che gli uomini elaborano il dolore e l’invecchiamento in modo diverso. Ecco perché forse evitano di parlarne. Il CBD potrebbe aiutare anche loro a gestire i sintomi scomodi. Quindi, sostieni la tua dolce metà, tuo fratello o un amico se hanno bisogno del tuo sostegno nella gestione dell’andropausa.

Conclusione

L’età media della menopausa è di 51,2 anni, ma i sintomi possono iniziare 3-5 anni prima. Inoltre, gli studi dicono che l’etnia, lo stile di vita e i fattori demografici influenzano l’età di insorgenza.
Gli studi scientifici devono ancora certificare che i prodotti a base di cannabis per la gestione dei sintomi nello specifico della menopausa possano essere validi , ma secondo studi generici sul cbd e le sue proprietà aiutano diversi sintomi generici che si trovano anche tra quelli indicati nella menopausa. Inoltre sempre più sondaggi effetuati tra le donne mostrano interesse nel CBD per gestire la loro situazione durante il periodo della menopausa.

Il microdosaggio di CBD potrebbe essere un metodo efficace per mantenere il corpo comodo durante la giornata.
Esercizi di Kegel e alcuni esercizi di yoga potrebbero dare sollievo ai disturbi del sonno e ridurre l’ansia. Allo stesso modo, la ricerca sottolinea le pratiche di salute complementari come l’ipnosi, la meditazione mindfulness, il tai chi combinato con integratori naturali per le donne che cercano rimedi alternativi.
In definitiva, mettete da parte tutti gli inconvenienti e pensate al lato positivo. Scoprite il nuovo che c’è in voi!
E per coccolarvi e approfittare delle caratteristiche del CBD provate la nostra gamma di cosmetici Nordic Cosmetics, perchè anche la pelle ha bisogno di una marcia in più.
Migliorate il vostro allenamento alla positività e se volete condividete questo post con i vostri amici a cui potrebbe interessare. Seguiteci sui nostri social e iscrivetevi alla newsletters per non perdervi le nostre offerte.

Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD
Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook!

Pubblicato da Sofia Lo Presti

Nata in Italia, Sofia lavora alla Nordic Oil fin dagli esordi ed è un vera esperta del CBD. Ha molta esperienza con i consumatori di CBD e essendo curiosa per natura, Sofia ha sperimentato in prima persona i benefici del CBD. Costantemente aggiornata sui nuovi studi e scoperte sull’argomento, mette la sua esperienza e conoscenza in merito a disposizione dei clienti italiani di Nordic Oil.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *